Migranti, Lesbo: attivisti Ong attaccati dai residenti fuggono dall’isola

Grecia, Lesbo – Le ONG degli immigrofili, prese di mira dai residenti, sospendono le loro attività e lasciano l’isola. Diverse ONG hanno annunciato  di aver sospeso le loro attività per i migranti sull’isola greca di Lesbo e di aver evacuato le loro squadre dopo aver subito attacchi e minacce da parte di gruppi di gruppi di residenti etichettati come “fascisti”.

(…) Secondo le Ong, lo scontento si è trasformato in violenza nei giorni scorsi, quando i residenti esasperati hanno preso di mira gli assistenti sociali compromettendo la loro ”capacità di aiutare i rifugiati”.

“Quando scende la notte, ci sono continui attacchi ai membri delle ONG, persone che vengono qui come volontari”, ha affermato Douglas Herman, co-fondatore di Refocus.

La polizia, accusata di inazione in questi incidenti, ha aperto un’indagine dopo aver appreso “diverse notizie di attacchi a persone e automobili” sull’isola.

“La maggior parte delle organizzazioni ha deciso di sospendere le operazioni, alcune a tempo indeterminato. Diverse ONG hanno chiesto alle loro squadre di lasciare l’isola”, ha detto Herman ad AFP, aggiungendo che i sei membri della sua squadra se ne stavano andando.

Adrian Kok, presidente di Connect by Music, che offre lezioni di musica ai migranti, ha informato AFP tutti i volontari sono stati inviati ad Atene, perché i locali avevano smesso di funzionare.

Condividi