Coronavirus, morto il 61enne Cilesi. Aiutava malati Alzheimer con doll therapy

Sul suo profilo Facebook una donna abbraccia una bambola di pezza. Ivo Cilesi era l’esperto della doll therapy, oltre che delle terapie non farmacologiche con particolare attenzione nella cura delle persone affette da demenza. Di Genova, da anni a Cene, è morto nella notte tra domenica e lunedì: era positivo al coronavirus.

Per la sua corporatura era «il gigante buono», scrive il Corriere. Quella non aiuta, ma Cilesi aveva 61 anni, non 80. E stava bene martedì, quando era andato a Salsomaggiore per uno dei suoi numerosi progetti. Le sue condizioni sono precipitate in tre giorni: una crisi respiratoria giovedì notte, il ricovero a Fidenza venerdì, il tampone positivo, sabato il trasferimento all’ospedale di Parma dove è morto.

È impossibile elencare le associazioni e le persone che hanno scritto sulla sua pagina. E in tutto questo, lui aveva trovato anche il tempo per la politica. Nel 2018 come candidato alle regionali in Lombardia Ideale, con il presidente Attilio Fontana. Nel 2019, in Bergamo Ideale, con Giacomo Stucchi.

Condividi