Coronavirus, Paesi UE chiedono certificazioni per le merci italiane

“Le merci non sono contaminate. Dobbiamo dire a qualche Paese europeo che le scelte che stanno facendo di chiedere la certificazione alle merci che provengono dall’Italia sono sleale concorrenza e io chiedo che la Commissione europea si attivi su questo per dare un’informazione puntuale. Le merci che partono dall’Italia sono sane e sono garantite come lo erano prima”. Lo ha detto la ministra delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Teresa Bellanova, riguardo al coronavirus.

I portuali e i fornitori di bordo a Paola e La Valletta, a Malta, hanno interrotto le loro attività di scarico merci rifiutandosi di salire a bordo dei mercantili provenienti dall’Italia. A riferirne è Malta Today, secondo cui i portuali lamentano l’assenza di personale medico durante le operazioni di sbarco che implicano contatti con l’equipaggio delle imbarcazioni in arrivo e annunciano che non riprenderanno il loro lavoro senza supervisione e autorizzazione sanitaria. Tre le imbarcazioni che ieri non riuscivano a scaricare la merce, tra queste la Eurocargo Malta, della Grimaldi Lines e Maria Grazia Onorato, della Onorato Group. adnkronos

Condividi