Conte: No chiusura scuole in zone fuori da focolai

Nelle zone che non sono focolaio del virus “non si giustifica la chiusura delle attività scolastiche”. Lo ha detto il premier Conte alla Protezione Civile sottolineando che l’Italia è stata divisa in 3 zone: quelle focolaio, dove valgono le misure restrittive varate, un secondo livello “che si estende alle aree circostanti che presentano episodi da contagio indiretto” e un terzo livello che riguarda il resto d’Italia. E qui “sicuramente non ha ragione di esistere la sospensione si attività scolastiche”.

Gite scolastiche, sia i viaggi di istruzione sia le uscite o i progetti di scambio e gemellaggio, sospesi fino al 15 marzo per le scuole “di ogni ordine e grado”. Lo prevede il dpcm attuativo del decreto sul Coronavirus firmato ieri sera che coordina le varie ordinanze degli ultimi giorni. Previsto il rimborso per chi ha già pagato i viaggi. Le assenze degli studenti oltre i 5 giorni andranno giustificate con certificato medico. Le scuole chiuse per l’emergenza potranno attivare “modalità di didattica a distanza”.

Così il premier Giuseppe Conte alle tv dopo il vertice alla Protezione civile. “Ne approfitteremo, perché l’Italia nelle emergenze dà il meglio, per lanciare, da un’emergenza sanitaria ed economica, una grande terapia d’urto per rilanciare il Paese”, ha aggiunto.

“Non dobbiamo ipotizzare in questo momento scenari drammatici, sono fiducioso perché gli esperti dicono che le misure sono efficaci e daranno risultati”, ha risposto Conte a chi gli chiedeva se fosse ipotizzabile un rinvio del referendum sul taglio dei parlamentari per l’emergenza coronavirus.  ANSA

Condividi