Mutilazioni genitali femminili, muore 12enne in Egitto

Condividi

 

Sono stati arrestati i genitori di una ragazzina egiziana di 12 anni, deceduta dopo aver subito mutilazioni genitali, e il medico che ha eseguito la procedura.

Una ragazza di 12 anni è deceduta nella provincia di Assiut nell’Alto Egitto, la scorsa settimana, a causa di complicazioni sopravvenute dopo che un medico in pensione ha rimosso parte dei suoi genitali, una pratica nota come mutilazione genitale femminile (MGF), a volte definita anche circoncisione femminile

“Il dottore ha cercato di salvarla ma è deceduta”, ha dichiarato l’ufficio del procuratore in una dichiarazione rilasciata giovedì scorso, promettendo “azioni risolute” contro chiunque esegua la procedura in futuro. Anche la zia della ragazza è stata arrestata.

Le MGF sono state messe al bando in Egitto nel 2008 e vengono considerate in un crimine dal 2016, dopo che una ragazza di 17 anni è morta dissanguata. La legge attuale impone pene detentive fino a sette anni per coloro che svolgono la procedura e fino a tre anni per chiunque ne faccia richiesta. I leader religiosi hanno anche affermato che la mutilazione genitale è proibita.

Il governo organizza regolarmente campagne di servizio pubblico per avvertire del pericolo di MGF, ma invece di frenare la pratica, le campagne hanno spinto i genitori a rivolgersi al personale medico, secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA). “Circa il 75% delle mutilazioni genitali femminili nel paese è eseguito da medici”, ha dichiarato l’esperta di MGF Dr. Ayman Sadek nella dichiarazione dell’UNFPA.

La medicalizzazione della MGF comporta una nuova serie di sfide, dando l’apparenza di legittimità e sicurezza nonostante la pratica non abbia benefici medici, ma rischi significativi, tra cui emorragia, problemi urinari cronici e complicazioni durante il parto.

La ragazza di Assiut, che le fonti di notizie locali hanno identificato come Nada Abdul Maksoud, è stata infatti sottoposta alla procedura in una clinica.

Genitori e praticanti spesso non sono puniti per il crimine, dicono gli attivisti, ma nel caso di Maksoud i gruppi per i diritti delle donne hanno espresso indignazione e hanno spinto le autorità ad agire.

Nelle zone rurali dell’Egitto, i mariti chiedono che le loro giovani spose siano sottoposte alla procedura prima del matrimonio. Oltre il 40% degli intervistati in un sondaggio del 2014 ha dichiarato di ritenere che la pratica impedisca alle donne di commettere adulterio.

L’Egitto continua ad avere uno dei più alti tassi di MGF al mondo, con l’87% di ragazze e donne di età compresa tra 15 e 49 anni che sono state mutilate, secondo un sondaggio del 2016 dell’UNICEF.

Reda Eldanbouki, direttore esecutivo del Centro di orientamento e consapevolezza legale delle donne, ha affermato che i giudici e la polizia trattano spesso gli autori dei casi di MGF con indulgenza. “La maggior parte di loro non prende sul serio i casi perché credono che sia a beneficio della ragazza sottoporsi a una circoncisione femminile per la protezione della sua castità”, ha detto.

“Molte altre ragazze egiziane saranno costrette a sottoporsi alla procedura e molte di loro moriranno – se non vi è una chiara strategia da parte dello Stato e una vera criminalizzazione della pratica”, ha affermato Amel Fahmy, amministratore delegato di Tadwein Gender Research Centro.

A livello mondiale, secondo l’UNICEF, almeno 200 milioni di donne sono state sottoposte a MGF. Le MGF sono diffuse in 30 paesi. L’ONU spera di sradicare la pratica entro il 2030. Il 6 febbraio è la Giornata internazionale della tolleranza zero per le mutilazioni genitali femminili.

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -