Febbre di Lassa in Nigeria, 29 morti

Condividi

 

Le autorità nigeriane citate da Al Jazeera hanno annunciato un aumento delle misure di emergenza per contenere l’ultimo focolaio di febbre di Lassa, che ha già causato la morte di 29 persone.

“Al 24 gennaio 2020, 195 casi confermati e 29 decessi sono stati segnalati in 11 stati”, ha dichiarato il Centro per il controllo delle malattie (Ncdc) della Nigeria. Un centro nazionale di operazioni di emergenza è stato attivato per coordinare la risposta “al numero crescente di casi di febbre di Lassa” in tutto il paese.

La febbre di Lassa appartiene alla stessa famiglia dei virus Ebola e Marburg, ma è molto meno mortale. Il suo nome deriva proprio dalla città di Lassa, nel nord della Nigeria, dove è stata identificata per la prima volta nel 1969.

Il virus è trasmesso all’uomo dal contatto con alimenti o oggetti domestici contaminati da feci o urina di roditori, ha un periodo di incubazione da 6 a 21 giorni e può essere anche trasmesso attraverso il contatto con una persona infetta mediante fluidi corporei ed escrezioni: sangue, urina, saliva, sperma, vomito, feci.

La Nigeria, la nazione più popolosa dell’Africa con circa 200 milioni di persone, ha solo cinque laboratori che possono effettuare test per la diagnosi della febbre di Lassa.

Seguiteci sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguiteci sul Social VK https://vk.com/imolaoggi

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -