Turchia pronta a rimpatriare 280 mogli di jihadisti marocchini

Condividi

 

280 donne marocchine e 391 bambini potrebbero essere rimpatriati dalla Turchia. Le autorità turche e marocchine si stanno coordinando per l’imminente ritorno delle famiglie dei jihadisti. Negli ultimi mesi, la Turchia ha iniziato l’espulsione di attivisti stranieri e delle famiglie dei membri dello Stato islamico. Tra loro ci sono donne e bambini, dice Hespress.

Alla fine di ottobre, il direttore dell’Ufficio centrale delle indagini giudiziarie (BCIJ), Abdelhak Khiame, aveva stimato che i parenti dei jihadisti erano “non terroristi” e che “non potevano in alcun modo essere incolpati” . 1.659 marocchini si sono uniti al gruppo dello Stato islamico o ad altre organizzazioni jihadiste. Si stima che 742 siano morti in combattimento.



Alla luce delle difficili condizioni in cui vivono i detenuti, le forze curde chiedono costantemente alla comunità internazionale l’istituzione giudiziaria per processare i jihadisti del Daesh. Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha chiesto ai vari paesi, il 24 giugno, che i membri della famiglia dei jihadisti catturati o uccisi in Siria e Iraq siano “rimpatriati , a meno che non siano perseguiti per reati ”.

Da parte sua, anche se il difensore dei diritti umani, Abdelilah al-Khodari, afferma che “lo stato marocchino è moralmente, umanamente e legalmente obbligato a ricevere i suoi figli, nonostante tutto ciò che hanno commesso”, avverte che la sorveglianza dei loro movimenti deve essere aumentata in modo che “le loro convinzioni estremiste non influenzino gli altri”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -