Turchia pronta a rimpatriare 280 mogli di jihadisti marocchini

280 donne marocchine e 391 bambini potrebbero essere rimpatriati dalla Turchia. Le autorità turche e marocchine si stanno coordinando per l’imminente ritorno delle famiglie dei jihadisti. Negli ultimi mesi, la Turchia ha iniziato l’espulsione di attivisti stranieri e delle famiglie dei membri dello Stato islamico. Tra loro ci sono donne e bambini, dice Hespress.

Alla fine di ottobre, il direttore dell’Ufficio centrale delle indagini giudiziarie (BCIJ), Abdelhak Khiame, aveva stimato che i parenti dei jihadisti erano “non terroristi” e che “non potevano in alcun modo essere incolpati” . 1.659 marocchini si sono uniti al gruppo dello Stato islamico o ad altre organizzazioni jihadiste. Si stima che 742 siano morti in combattimento.

Alla luce delle difficili condizioni in cui vivono i detenuti, le forze curde chiedono costantemente alla comunità internazionale l’istituzione giudiziaria per processare i jihadisti del Daesh. Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha chiesto ai vari paesi, il 24 giugno, che i membri della famiglia dei jihadisti catturati o uccisi in Siria e Iraq siano “rimpatriati , a meno che non siano perseguiti per reati ”.

Da parte sua, anche se il difensore dei diritti umani, Abdelilah al-Khodari, afferma che “lo stato marocchino è moralmente, umanamente e legalmente obbligato a ricevere i suoi figli, nonostante tutto ciò che hanno commesso”, avverte che la sorveglianza dei loro movimenti deve essere aumentata in modo che “le loro convinzioni estremiste non influenzino gli altri”.

Condividi