Donne pestate e legate con cavi elettrici per costringerle a prostituirsi, 3 stranieri arrestati

Foggia – Hanno costretto un gruppo di donne a prostituirsi a Marina di Lesina, riducendole in schiavitù e utilizzando metodi che gli investigatori definiscono particolarmente crudeli. Per questo tre persone di nazionalità bulgara e polacca sono stati arrestati dalla Polizia a Foggia. L’accusa nei loro confronti è di associazione a delinquere finalizzata alla tratta, riduzione e mantenimento in schiavitù di un gruppo di ragazze bulgare.

Come scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, nel corso delle indagini, a cui hanno preso parte anche gli agenti della Polizia Stradale di Campobasso, sono emersi episodi di particolare efferatezza e crudeltà nei confronti delle vittime. I particolari dell’operazione verranno forniti nel corso di una conferenza stampa.

A quanto si apprende, le donne costrette a prostituirsi, almeno dieci, venivano minacciate di morte, picchiate, e legate con cavi elettrici.
In carcere sono finiti due cittadini bulgari, ai domiciliari invece una donna polacca. Di grande aiuto alle indagini sono state le testimonianze di alcune vittime

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi