Agente aggredito da tunisino, Salvini: Bonafede si occupi dei poliziotti, non solo dei detenuti

Condividi

 

Ennesima aggressione oggi in un carcere contro un poliziotto, questa volta a San Gimignano. Invece di preoccuparsi solo della salute dei detenuti, il ministro Bonafede si occupi anche dei poliziotti“. Queste le parole del segretario della Lega, Matteo Salvini, contro il ministro della Giustizia pentastellato.

Ieri, infatti, un altro agente è stato colpito da un immigrato. L’aggressione – l’ultima di una lunga serie – è andata in scena nel carcere di San Gimignano. Come spiega il sindacato Fns Cisl di Siena, a colpire il poliziotto è stato un uomo di origine tunisina. L’immigrato ha quasi staccato l’orecchio all’agente con un oggetto contundente e per rimediare ci sono voluti ben 20 punti di sutura. Il sindacato condanna “il vile gesto è ulteriore dimostrazione del grave contesto in cui quotidianamente operano donne e uomini della polizia penitenziaria”.

Salvini ha denunciato l’accaduto su Facebook e Instagram. “Scusate per le immagini forti – ha scritto -ma è giusto mostrare la realtà. Il responsabile di tanta ferocia è un detenuto nordafricano, purtroppo già noto per la sua violenza”.

www.ilgiornale.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -