Clima, Ipcc (Onu): scioglimento dei ghiacciai rimandato al 2100

Condividi

 

ROMA – Le regioni del mondo con i ghiacciai più piccoli, fra le quali l’Europa Centrale, “sono destinate a perdere più dell’80% della loro attuale massa di ghiaccio al 2100, e molti ghiacciai sono destinati a sparire comunque, indipendentemente dalle future emissioni”. Lo scrive il comitato scientifico sul clima dell’Onu, l’Ipcc, nel rapporto su oceani e ghiacci diffuso oggi.

Le regioni che potrebbero perdere quasi tutti i loro ghiacciai secondo lo studio sono Caucaso, Asia settentrionale, Scandinavia, Ande tropicali, messico, Africa orientale e Indonesia.
“In molte aree di alta montagna – prosegue l’Ipcc -, il ritiro dei ghiacciai e la fusione del permafrost sono destinati a diminuire ulteriormente la stabilità dei pendii, e il numero e l’estensione dei laghi glaciali continueranno ad aumentare. Inondazioni dovute alla tracimazione di laghi glaciali, frane e valanghe sono destinate ad avvenire anche in nuove aree o stagioni differenti”.

“E’ previsto che aumentino i rischi di disastri agli insediamenti umani e ai mezzi di sussistenza in aree di alta montagna e nell’Artico – si legge nello studio -, a causa di futuri cambiamenti nei rischi di inondazioni, incendi, frane, valanghe, condizioni inaffidabili di ghiaccio e neve e aumento dell’esposizione di persone infrastrutture”.
“Il turismo di alta montagna, le attività ricreative e i valori culturali è previsto che siano colpiti negativamente da cambiamenti futuri nella criosfera”, scrive ancora l’Ipcc.



http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/rubriche/ambiente/2019/09/25/clima-ipcc-europa-perdera-80-ghiacciai-nel-2100_e83fd630-607d-4b02-8df4-48c9698ee10c.html



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -