Fratelli musulmani, Egitto: 11 condannati all’ergastolo

Condividi

 

11 SET – Un tribunale del Cairo ha condannato 11 membri dei Fratelli musulmani, il movimento messo al bando in Egitto, al carcere a vita con l’accusa di spionaggio. Lo riferisce l’agenzia egiziana Mena.

Gli imputati, tra cui l’ex Guida suprema Mohamed Badie, (già condannato all’ergastolo per assalto a un commissariato nel 2013 e per altri reati legati agli scontri violenti scoppiati a Giza dopo la rimozione dell’ex presidente Mohamed Morsi, ndr) sono stati giudicati colpevoli di aver svolto attività di spionaggio con organizzazioni straniere e per aver rivelato informazioni riservate sulla sicurezza nazionale. Tra le altre accuse – scrive la Mena – anche quella di aver lavorato con gruppi armati dentro e fuori l’Egitto con l’obiettivo di condurre operazioni terroristiche in patria.



Il tribunale ha condannato altri tre imputati a 10 anni di reclusione e altri due a 7 anni. Mentre sei imputati sono stati assolti. Le accuse contro l’ex presidente Morsi sono invece state ritirate in seguito alla sua morte. (ANSA)



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -