”Cibo non buono”, minorenne tunisino minaccia educatrice con un’ascia

foto archivio

I fatti si sono verificati il 5 agosto. Un ragazzo tunisino, non gradendo il pasto ricevuto, ha prima inveito contro gli addetti della struttura di accoglienza lanciando loro contro piatti, bicchieri e posate. Poi ha minacciato un’educatrice con un’ascia. Il giovane, che dopo i fatti si era allontanato dalla struttura su una bicicletta, è stato immediatamente rintracciato dagli agenti della polizia ferroviaria nelle vicinanze del luogo di dimora.

Come scrive il giornale locale latinaquotidiano.it, il diciassettenne è accusato di numerosi reati contro il patrimonio, nonché di sequestro di persona e minacce aggravate ai danni di un’educatrice di un centro di accoglienza per minori situato in provincia di Latina. Le indagini, condotte dagli agenti della Polfer per il Lazio, sono partite da una serie di furti avvenuti a bordo dei treni della tratta Roma – Nettuno.

La comparazione tra le descrizioni fornite dalle vittime e le immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza presente sui treni ha permesso agli investigatori di risalire all’autore dei furti perché già denunciato in precedenza per fatti analoghi.

Individuata la dimora del ragazzo, una casa di accoglienza, gli investigatori hanno appreso dal personale della struttura di altri gravi reati commessi dal minore nei giorni precedenti. Nel corso della perquisizione della stanza occupata dal ragazzo, gli operatori hanno trovato numerosi oggetti provento dei furti, mentre l’ascia è stata trovata nelle vicinanze di un cantiere situato poco distante.

Il giovane è stato sottoposto a fermo e condotto, a disposizione dell’autorità giudiziaria, presso un centro di accoglienza per minori della Capitale.

Condividi