Reggio Emilia, cinese uccisa nel bar dove lavorava: caccia a un maghrebino

Condividi

 

Un omicidio si è consumato al bar Moulin Rouge, nella prima periferia di Reggio Emilia. Una giovane barista, di origini cinesi, sarebbe stata accoltellata da un uomo che poi è fuggito, facendo perdere le proprie tracce. La ragazza sarebbe morta sul colpo. La polizia indaga sul caso.

AGGIORNAMENTO

A Reggio Emilia e in tutti territori limitrofi è ancora caccia all’uomo dopo il brutale omicidio avvenuto intorno alle 18 di ieri in un bar della prima periferia. Al momento, stando alle ricostruzioni, le ricerche si starebbero concentrando su un trentenne di origini magrebine, già cliente del bar in passato.



La vittima era Hui Zhou, barista di origini cinesi di 24 anni che lavorava nell’attività di famiglia. Stando alla testimonianza di un cliente che era presente all’interno del ‘Moulin Rouge’ un uomo di circa trent’anni sarebbe entrato come una furia brandendo un grosso coltello. Poi, pronunciando parole incomprensibili, si sarebbe scagliato sulla ragazza, sferrandole 7-8 colpi dietro il bancone, che non le hanno lasciato scampo.

Gli agenti della Polizia scientifica, coordinati dal pm Marco Marano della Procura di Reggio Emilia, sono rimasti al lavoro fino a notte inoltrata sul luogo del delitto per cercare tracce dell’assassino, che subito dopo si è dato alla fuga.ansa



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -