Migranti, Sea Watch a 16 miglia da Lampedusa: “Porto sicuro più vicino”

Condividi

 

“Avendo ricevuto come unica indicazione il porto di un Paese in guerra, la Sea Watch ha fatto rotta nord, verso il porto sicuro più vicino alla posizione del soccorso: Lampedusa”: è quanto si legge sull’account Twitter dell’ong tedesca, che due giorni fa ha prelevato in acque libiche 53 clandestini. Ieri alla ong era stato indicato Tripoli, in Libia, come porto di sbarco.

“Davvero un Ministro della Repubblica Italiana vuole costringerci a portare queste persone in un Paese in guerra?”, si legge ancora sull’account di Sea Watch, facendo riferimento al ministro dell’Interno Matteo Salvini – davvero l’Ue permette una tale violazione dei diritti umani?”.

Nell’ultimo twett l’ong ha precisato che la nave rimane “in stand by a circa 16 miglia dall’isola” di Lampedusa.

In fuga dalla fame, torturati nei lager libici…

Nel tweet potete vedere il gommone dei migranti perfettamente gonfio e in navigazione. Non hanno “salvato naufraghi”, hanno prelevato clandestini.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -