Onu, Guterres: ‘Bruxelles abbatta le frontiere degli Stati nazionali dell’UE’

Condividi

 

Secondo il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, gli stati membri dell’UE devono cedere il potere di limitare l’immigrazione ai tecnocrati di Bruxelles perché “nel corso della sua storia il continente è stato arricchito dalla diversità“.

Dopo aver ricevuto il premio Carlo Magno, che negli anni passati è stato assegnato a figure anti-nazionaliste come Angela Merkel, Papa Francesco ed Emmanuel Macron, Guterres ha iniziato il suo discorso  avvertendo la folla che molti europei erano “rivolti verso l’interno, impantanati nella memoria di un’età dell’oro che probabilmente non c’è mai stata”.



Durante il suo discorso ammantato di moralismo, Guterres ha affermato che “l’assimilazione di diverse culture  è stata il punto di partenza della cultura europea”, sottolineando che il Palazzo Carlo Magno di Aquisgrana “prese in prestito diversi elementi della civiltà romana e bizantina” .

Secondo Guterres, l’europeo semplicemente non può “proteggere il ricco patrimonio del continente” a meno che non decida di ricevere ondate incessanti di immigrazione di massa dal terzo mondo, non si impegni a ridurre le emissioni di carbonio a zero entro il 2050 e applicare l’Agenda 2030 dell’ONU ed i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile “, che mirano ad attuare la dottrina marxista culturale come ad esempio l’uguaglianza di genere, le leggi dell’aborto non controllate e la promozione degli stili di vita LGBT ai bambini piccoli.

L’idea di Europa “non può essere basata sulla mentalità” noi “contro” loro “, ha affermato il politico portoghese, aggiungendo che non esiste “alcuna alternativa” se non quella di aprire i confini dell’Europa al terzo mondo. Ha anche affermato che “chiudere le porte ai richiedenti asilo non protegge ma fa vergognare”.

“Tutte le società tendono ad essere, o sono già, multietniche, multiculturali e multireligiose. Questo deve essere considerato come una ricchezza, non come una minaccia “, ha insistito Guterres, prima di chiedere a Bruxelles di abbattere le frontiere esterne degli Stati nazionali dell’UE e costringere i contribuenti a inviare denaro nel Sud del mondo per raggiungere un “approccio equilibrato verso le cause profonde della migrazione, preservando nel contempo i diritti e la dignità dei migranti “.

Durante il suo discorso, il Segretario Generale ha sottolineato le “tre sfide senza precedenti” che “bussano alle nostre porte” in “questo momento di grande disordine geopolitico”: la xenofobia  e l'”incitamento all’odio” che “alimentano il terrorismo attraverso i social media” , i cambiamenti climatici creati dall’uomo e l’ immigrazione di massa.

I pericoli posti dal terrorismo islamico radicale non sono mai stati menzionati durante il discorso. Tuttavia, Guterres ha avvertito che “l’agenda dei diritti umani ha perso terreno rispetto all’agenda della sovranità nazionale”.

voiceofeurope.com



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -