Battisti ricorre in Cassazione: “ergastolo illegittimo”

Condividi

 

MILANO, 04 GIU – E’ illegittima la mancata commutazione dell’ergastolo in 30 anni per Cesare Battisti, l’ex Pac arrestato a gennaio in Bolivia e consegnato all’Italia per espiare una condanna per 4 omicidi commessi 40 anni fa. Lo sostiene difensore, Davide Steccanella, nel ricorso in Cassazione contro la decisione di giudici di Milano che hanno rigettato l’istanza di commutare la pena. Per il legale andava applicata la procedura di estradizione dal Brasile perfezionata dal dicembre scorso con la condizione che la pena da scontare fosse di 30 anni.  ansa

22 maggion 2019 –  Cesare Battisti dovrà scontare la pena dell’ergastolo, ma dopo dieci anni potrà ottenere i benefici penitenziari come la semilibertà. Lo ha deciso la Corte d’assise d’appello di Milano nell’ambito dell’incidente di esecuzione sollevato dalla Procura generale in seguito alla richiesta dell’avvocato Davide Steccanella, difensore dell’ex terrorista dei Pac arrestato a gennaio scorso in Bolivia dopo 37 anni di latitanza e poi estradato in Italia, di commutare la pena dell’ergastolo con quella di 30 anni di carcere. Istanza rigettata dal collegio di giudici togati e popolari presieduti da Giovanna Ichino. Tenuto conto del presofferto (vale a dire gli anni già scontati in carcere) Battisti, secondo quanto si è appresto, potrà accedere ai benefici penitenziari tra meno di quattro anni.  (askanews)



Da quanto si è saputo, avendo già scontato come ‘presofferto’ 6 anni e mezzo circa, l’ex terrorista dei Pac potrà richiedere benefici, come i permessi premio, già tra 3 anni e mezzo circa dopo che avrà scontato complessivamente dunque 10 anni di carcere.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -