Oriana: ”Che per invaderci usino i cannoni o i gommoni, è lo stesso”

Condividi

 

Oriana Fallaci – Italia, guai a chi me la tocca. Naturalmente la mia patria, la mia Italia, non è l’ Italia d’ oggi. L’ Italia godereccia, furbetta, volgare degli italiani che pensano solo ad andare in pensione prima dei cinquant’anni e che si appassionano solo per le vacanze all’ estero o le partite di calcio. L’ Italia cattiva, stupida, vigliacca, delle piccole iene che pur di stringere la mano a un divo o una diva di Hollywood venderebbero la figlia a un bordello di Beirut ma se i kamikaze di Usama Bin Laden riducono migliaia di newyorchesi a una montagna di cenere che sembra caffè macinato sghignazzan contenti bene-agli-americani-gli-sta-bene.

L’ Italia squallida, imbelle, senz’ anima, dei partiti presuntuosi e incapaci che non sanno né vincere né perdere però sanno come incollare i grassi posteriori dei loro rappresentanti alla poltroncina di deputato o di ministro o di sindaco. L’ Italia ancora mussolinesca dei fascisti neri e rossi che ti inducono a ricordare la terribile battuta di Ennio Flaiano: «In Italia i fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti».

Non è nemmeno l’ Italia dei magistrati e dei politici che ignorando la consecutio-temporum pontificano dagli schermi televisivi con mostruosi errori di sintassi. (Non si dice «Credo che è»: animali! Si dice «Credo che sia»). Non è nemmeno l’ Italia dei giovani che avendo simili maestri affogano nell’ ignoranza più scandalosa, nella superficialità più straziante, nel vuoto. Sicché agli errori di sintassi loro aggiungono gli errori di ortografia e se gli domandi chi erano i Carbonari, chi erano i liberali, chi era Silvio Pellico, chi era Mazzini, chi era Massimo D’ Azeglio, chi era Cavour, chi era Vittorio Emanuele II, ti guardano con la pupilla spenta e la lingua pendula. Non sanno nulla al massimo sanno recitare la comoda parte degli aspiranti terroristi in tempo di pace e di democrazia, sventolare le bandiere nere, nasconder la faccia dietro i passamontagna, i piccoli sciocchi. Gli inetti.

E tantomeno è l’ Italia delle cicale che dopo aver letto questi appunti mi odieranno per aver scritto la verità. Tra una spaghettata e l’ altra mi malediranno, mi augureranno d’ essere uccisa dai loro protetti cioè da Usama Bin Laden. No, no: la mia Italia è un’ Italia ideale. È l’ Italia che sognavo da ragazzina, quando fui congedata dall’ Esercito Italiano-Corpo Volontari della Libertà, ed ero piena di illusioni. Un’ Italia seria, intelligente, dignitosa, coraggiosa, quindi meritevole di rispetto.

E quest’ Italia, un’ Italia che c’ è anche se viene zittita o irrisa o insultata, guai a chi me la tocca. Guai a chi me la ruba, guai a chi me la invade. Perché, che a invaderla siano i francesi di Napoleone o gli austriaci di Francesco Giuseppe o i tedeschi di Hitler o i compari di Usama Bin Laden, per me è lo stesso. Che per invaderla usino i cannoni o i gommoni, idem. Col che ti saluto affettuosamente, caro il mio Ferruccio, e t’ avverto: non chiedermi più nulla. Meno che mai, di partecipare a risse o a polemiche vane.

Quello che avevo da dire l’ ho detto. La rabbia e l’ orgoglio me l’ hanno ordinato. La coscienza pulita e l’ età me l’ hanno consentito. Ma ora devo rimettermi a lavorare, non voglio essere disturbata. Punto e basta.

(tratto da: La rabbia e l’orgoglio di Oriana Fallaci)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -