Bloccato decreto Sicurezza bis. Mattarella si piega ai poteri sovranazionali?

Condividi

 

Muro contro muro sul decreto sicurezza bis in Consiglio dei ministri. Giuseppe Conte e Matteo Salvini vanno allo scontro e, dopo un Cdm di circa tre ore, alla fine sia l’esame del decreto sicurezza bis sia quello del decreto famiglia vengono rinviati, in un clima di costante tensione. Ma la Lega non digerisce la fumata nera e chiede l’approvazione del testo – con modifiche – in un nuovo Cdm da tenere già in settimana. Il via libera arriverà, assicurano.

P. Chigi: “Clima sereno” – A riunione finita, da Palazzo Chigi tentano di ridimensionare la portata della lite e assicurano che il “clima è sempre stato sereno”. Di fatto al dl sicurezza arriva uno stop da parte del premier. E Conte, nel corso della riunione, mette sul tavolo la “carta” più autorevole per sottolineare le criticità del decreto proposto dal Viminale su migranti e sicurezza urbana: ci sono dubbi non solo di Palazzo Chigi ma anche del Quirinale.



Salvini chiede spiegazioni – Il ministro dell’Interno non intende tornare a casa con un nulla di fatto: “Fammi capire quali sono queste criticità”, dice a muso duro a Conte. Il clima si accende, la riunione viene sospesa con Salvini che punta al Cdm a oltranza. “Resto qui tutta la notte se serve”, avverte il vicepremier leghista. Salvini, Di Maio e Conte si riuniscono quindi nella stanza del presidente del Consiglio. Obiettivo, verificare – come ha chiesto il leghista – le criticità del decreto rilevate dal premier.

Provvedimenti inviati per conoscenza al Quirinale prima del Cdm – Già nel pomeriggio trapela il tentativo della presidenza del Consiglio di condividere i suoi dubbi sul decreto sicurezza con il presidente Sergio Mattarella: il provvedimento, assieme al decreto famiglia voluto dal M5s, viene inviato per conoscenza al Quirinale. E’ lo stesso premier a riferire in serata ai suoi ministri che dagli uffici del Colle emergono dubbi giuridici su alcune delle norme proposte dal Viminale. E’ la scintilla che anima la discussione tra Conte e Salvini.  tgcom24.mediaset.it

Boldrini confessa: le Ong sono il braccio operativo dell’ONU»

Decreto Sicurezza, Organizzazioni sovranazionali vogliono comandare in Italia



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -