Sea Watch sfida la guardia di finanza e naviga verso l’Italia

Condividi

 

“Una nave di una ong straniera sfida la guardia di finanza! Erano prima in acque libiche e poi in acque maltesi, ma mettendo a rischio la vita degli immigrati a bordo vogliono a tutti i costi arrivare in Italia. Questi non sono soccorritori ma scafisti, e come tali verranno trattati. Per i trafficanti di esseri umani i porti italiani sono e rimangono chiusi”.

Lo scrive su Twitter il ministro dell’Interno Matteo Salvini, sul caso della nave “Sea Watch 3” della ong tedesca Sea Watch che mercoledì ha prelevato 65clandestini, fra cui i soliti scudi umani (donne, bambini e anche un disabile)



Ora l’imbarcazione si trova ai margini delle acque territoriali italiane intorno all’isola di Lampedusa: “E se qualche procuratore vuole indagarmi o processarmi anche per questo, faccia pure! Per difendere l’Italia e gli italiani, non ho paura di niente e di nessuno. Porti chiusi”, conclude Salvini via social.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -