Migranti, Treviso: poco business, Caritas e Coop rinunciano all’accoglienza

Condividi

 

Fine del business dell’accoglienza diffusa: Caritas di Treviso e Vittorio Veneto e cooperative sociali, La Esse, Una casa oper l’uomo, Gea e Alternativa, annunciano ufficialmente che non parteciperanno alla nuova gara indetta dalla Prefettura per l’accoglienza dei richiedenti asilo.

I nuovi bandi, diretta conseguenza del Decreto Salvini, riducono i margini di business e tagliano drasticamente i servizi mirati a integrare i migranti, che da persone, dicono i rappresentanti di queste realtà, “vengono ridotti alla stregua di pacchi postali in transito su un territorio che non è però in grado di rimpatriarli”. Qualcuno dirà che non potendo più fare business ci sfiliamo, attacca provocatoriamente don Davide. Come se non fosse la verità…

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -