Teramo: violentata da connazionale decide di perdonarlo e lo sposa. Finisce malissimo

Condividi

 

A Teramo una donna, ora 35enne, è stata abusata sessualmente e picchiata dal compagno, un coetaneo di origini nigeriane. Nonostante questo, ha deciso di sposarlo credendo che lui fosse cambiato dopo un periodo di cure. La fiducia, però, non è stata ricambiata. L’orco è tornato quello di prima e, dopo il matrimonio, si è scagliato su di lei “massacrandola di botte”. Ora è finito a processo con le accuse di violenza sessuale e lesioni aggravate.

Secondo quanto riportato da Il Mattino, i primi fatti contestati risalgono al 2014 quando i due convivevano. “Lui è malato – ha raccontato la donna ai giudici nell’udienza che si è svolta a porte chiuse -. Quando mi ha violentata aveva gli occhi fuori dalle orbite, mi parlava nella sua lingua”. Dopo quel fatto, il nigeriano venne allontanato dall’abitazione e sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio. Al loro arrivo i carabinieri trovarono la donna con gli abiti strappati e sotto shock. Terminato il periodo di cura, però, la giovane decise di concedergli una seconda possibilità e di sposarlo.



A poco tempo di distanza dalle nozze, l’uomo improvvisamente “massacrò di botte” la moglie. Si tratta di un episodio che non fa parte dell’attuale contestazione. I giudici del collegio hanno incaricato un perito, lo psichiatra Gianferruccio Canfora, che dovrà stabilire se il nigeriano fosse capace di intendere e volere al momento del fatto e se risulta ancora pericoloso.  tgcom24.mediaset.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -