No al Congresso delle Famiglie. Sì all’imam che spiega come picchiare le mogli

Condividi

 

Mentre tutta la sinistra si schiera compatta contro il Congresso della Famiglie di Verona, la star dell’«evento più atteso dell’anno» è l’imam che – bastoni in mano – insegnava come si educano davvero le mogli. Accade a Milano, l’«avamposto di civiltà» come dice il sindaco Beppe Sala, un arretrato travestito da progressista.

«Fiera della speranza», si chiama. Gli organizzatori, di «Islamic Relief», ne parlano da settimane e vviamente era stata annunciata da tempo anche la presenza di «ospiti internazionali», sapientemente tenuti un po’ nascosti per creare suspence. Chi siano i grandi ospiti di Milano lo spiega uno dei massimi esperti di radicalismo islamico, Lorenzo Vidino, direttore del programma di ricerca sull’estremismo della George Washington University, che  interpellato dal Giornale spiega:



«Di uno dei partecipanti, Al Mutawa, si può trovare in rete un video in cui insegna che la moglie non va picchiata con bastoni pesanti, ma con mano leggera, per farle capire chi comanda. Mourou invece – prosegue il super esperto – è il leader spirituale di Al Nahda, sostanzialmente la versione tunisina dei Fratelli Musulmani, e Rajab Zaki è l’imam della moschea di Finsbury Park, considerato l’epicentro dei Fratelli Musulmani inglesi. E il tutto è organizzato da Islamic Relief, associazione controversa, indicata nella black list dell’antiterrorismo negli Emirati Arabi, vietata in Egitto e Israele. Il fondatore (Hany al Banna) sarà presente a Milano, dove Islamic Relief ha un ufficio».

Islamic Relief, ne va dato atto, ha smentito in passato legami coi Fratelli musulmani. Certo, le immagini dell’imam che mostra puntigliosamente i bastoni discettando del comportamento delle donne mettono in imbarazzo non poco. Anche perché gli organizzatori della Fiera della Speranza presentano Jasem Al Mutawa, come «esperto in mediazione familiare ed educazione dei figli». Ma anche gli altri ospiti, a dire il vero, qualche imbarazzo lo creano. Lo stesso Zaki è stato definito un predicatore d’odio e accusato di sostenere i movimenti fondamentalisti contro Israele. «La guerra santa islamica – le sue parole ricordate allora – è un obbligo imprescindibile per tutti i musulmani e le musulmane da espletare in tutti i modi, sacrificando la propria vita o con il denaro, la parola o il cuore».

Inoltre, questa non è certo la prima volta che a Milano si segnala la presenza di personaggi espressione dell’area più oscurantista dell’islam. Alcuni hanno anche assunto incarichi di rilievo, o sono stati protagonisti di episodi clamorosi. Il video di Al Mutawa di cui parla anche Vidino risale al 2013. E in quello stesso anno un’altra «star» di un altro evento importante, in quel caso religioso, fece molto discutere in città. Era la festa di chiusura del Ramadan all’Arena civica e l’ospite d’onore era il «sapiente» Riyad Al Bustanji, imam giordano che – si scoprì proprio in quei giorni – aveva rilasciato un’intervista in cui inneggiava al «martirio» religioso dei bambini.

www.ilgiornale.it



   

 

 



1 Commento per “No al Congresso delle Famiglie. Sì all’imam che spiega come picchiare le mogli”

  1. Lorenzo Mandato

    Le due realtà si coniugano benissimo e si integrano tranquillamente… Religioni con posizioni simili o uguali, entrambe da censurare per queste posizioni sulle donne, come su tanto altro, ahimè… Per buona pace dei benpensanti e dei tanti giudici… e giudizi… Lorenzo Mandato

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -