Rompe i denti a una vigilessa con una ginocchiata: gambiano subito libero

Condividi

 

Dieci giorni di prognosi da trascorrere in ospedale con l’arcata superiore dei denti gravemente danneggiata. Sono queste le conseguenze provocate da una violenta aggressione ai danni di un’agente della polizia locale di Conegliano, avvenuta la sera dell’8 marzo.

Come riportato dal sito “Qdpnews”, la vigilessa è stata aggredita da un 35enne di origine gambiana, con il permesso di soggiorno scaduto. L’uomo, visibilmente ubriaco, era entrato in un supermercato del centro di Conegliano e aveva provato a rubare una bottiglia di superalcolico. Smascherato dal personale del negozio, per il 35enne i guai sono iniziati con l’arrivo dei vigili urbani che lo hanno condotto al comando di Piazzale San Martino dove, dopo essersi accorti che il suo permesso di soggiorno per motivi umanitari era scaduto, l’hanno denunciato per ubriachezza.



Uscito dal comando della polizia locale l’uomo ha perso completamente la ragione iniziando a urlare contro gli agenti, accusandoli di avergli rubato il cellulare (trovato poi per terra, sul marciapiede) e cercando di farsi investire dalle auto in corsa. A quel punto una vigilessa, per evitare una tragedia, ha deciso di entrare in azione cercando di fermare l’uomo che, invece di calmarsi, ha aggredito la donna sferrandole una violenta ginocchiata in faccia e rompendole i denti dell’arcata superiore.

Solo l’intervento massiccio dei colleghi della vigilessa ha potuto fermare la follia dell’uomo che è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, ma resterà a piede libero a meno che il supermercato non decida di sporgere denuncia per furto aggravato. Solo in quel caso potrebbe scattare nei suoi confronti la misura di custodia cautelare

www.trevisotoday.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -