Famiglie islamiche protestano, stop lezioni gender in una scuola di Birmingham

Condividi

 

Una scuola elementare, in cui si tenevano agli alunni lezioni sull’omosessualità come parte di un programma per contrastare l’omofobia, ha dovuto interrompere l’indottrinamento dopo che centinaia di bambini sono stati ritirati dai genitori per protesta. La scuola pubblica di Parkfield a Saltley, Birmingham, è stata infatti teatro di proteste settimanali a causa delle lezioni che, secondo i genitori, stanno promuovendo stili di vita gay e transgender. Venerdì scorso circa 600 bambini musulmani, di età compresa tra i 4 e gli 11 anni, sono stati ritirati dalla scuola .

In una lettera alle famiglie, la scuola ha detto: “Fino alla fine di questo periodo, non vi saranno altre lezioni nel nostro piano di studi a lungo termine”. La scuola ha chiarito che non aveva mai avuto intenzione di continuare le lezioni di No Outsiders oltre metà semestre ed ha confermato che sarebbero riprese solo dopo una consultazione completa con ogni genitore.

Il mese scorso, il Guardian ha riferito che l’assistente del preside della scuola è stata costretta a difendere le lezioni dopo che 400 genitori, prevalentemente musulmani, hanno firmato una petizione che chiedeva di eliminare il corso.

Andrew Moffat, che lavora per l’educazione alla parità, ha dichiarato di essere stato minacciato e preso di mira da una campagna di volantini dopo che la scuola ha varato il programma No Outsiders. Il suo obiettivo sarebbe quello di promuovere l’uguaglianza LGBT e sfidare l’omofobia nelle scuole primarie.

Moffat, autore di ”Challenging Homophobia in Primary Schools”, che è attualmente nella lista dei candidati per il miglior premio al mondo per insegnanti, si è dimesso da un’altra scuola elementare – Accademia Chilwell Croft, anche a Birmingham – dopo una disputa simile con genitori musulmani e cristiani. I genitori hanno protestato fuori dalla scuola di Saltley con cartelli che dicevano “no alla promozione dell’omosessualità e degli stili di vita LGBT per i nostri figli“, “smetti di sfruttare l’innocenza dei bambini” e “educazione non indottrinamento“.

Ai bambini venivano tenute lezioni “per soddisfare i requisiti della legge sull’uguaglianza”. I libri letti dagli studenti comprendono ”mamma, mamma e io”, e ”King & King” – storie di relazioni e matrimoni tra persone dello stesso sesso. La scuola ha chiesto ai genitori di fermare le proteste, sostenendo che fossero “sconvolgenti e distruttive” per i bambini.

In una lettera inviata alle famiglie, il consiglio di amministrazione dell’Excelsior Multi Academy Trust, che gestisce la scuola, ha comunicato che si consulterà con i genitori. La lettera diceva: “Le discussioni sono state un utile primo passo e hanno identificato le questioni chiave che riguardano i genitori, tra cui l’etica, i libri, l’appropriatezza dell’età, le lezioni e le assemblee. L’esito concordato nell’incontro è stata la necessità di avere una discussione con la comunità scolastica sul programma di studi No Outsiders e su come dovrebbe essere portato avanti”.

La questione è stata sollevata per la prima volta da Fatima Shah, che ha allontanato la figlia di 10 anni dalla scuola, dicendo che i bambini erano troppo piccoli per imparare a conoscere i matrimoni omosessuali e i diritti LGBT in classe. “Non siamo un gruppo di madri omofobiche”, ha detto. “Sappiamo solo che alcune di queste lezioni sono inappropriate. Alcuni dei temi in discussione sono complessi e adatti agli adulti, non ai bambini, che si confondono. “Hanno il diritto di  essere bambini invece di pensare costantemente alle uguaglianze e ai diritti”.

Shabana Mahmood, deputato di Birmingham Ladywood, si è espressa dopo che i genitori del suo collegio elettorale si sono lamentati del fatto che le scuole primarie insegnavano ai loro figli le relazioni tra persone dello stesso sesso. Ha detto che i genitori non si sono opposti all’educazione sessuale e relazionale, ma sentivano che i loro figli erano troppo piccoli per alcune delle cose che venivano insegnate.

 

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a Imolaggi – Armando Manocchia risponde ai professionisti della mistificazione

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -