Omicidio Vannini, Corte d’assise: “Ciontoli sparò colposamente”

Condividi

 

ROMA, 4 MAR – “Antonio Ciontoli esplose colposamente un colpo di pistola che attinse Marco Vannini”. Così i giudici della prima Corte d’assise d’appello di Roma motivando la sentenza con la quale hanno condannato a cinque anni di reclusione Antonio Ciontoli per avere causato la morte di Marco Vannini, morto il 18 maggio 2015 a Ladispoli, vicino a Roma. I giudici osservano che “Ciontoli ha consapevolmente e reiteratamente evitato l’attivazione di immediati soccorsi” per “evitare conseguenze dannose in ambito lavorativo”.

Secondo la ricostruzione dell’epoca, Vannini si trovava in casa della fidanzata intento a farsi un bagno nella vasca, quando entrò Ciontoli per prendere da una scarpiera un’arma e partì un colpo che ferì gravemente il ragazzo. Di lì, secondo l’accusa, sarebbe partito un ritardo ‘consapevole’ nei soccorsi. ansa

Le urla di Marco Vannini

Prima di sentire il colpo di pistola, la vicina di casa ha sentito un litigio molto forte e successivamente lo sparo – un botto che ha spaventato tutti pur essendo soffocato da qualcosa.

Marco Vannini: com’è andata davvero la sera del suo omicidio? Ecco con Giulio Golia nuove testimonianze inedite e tutti i dubbi aperti👇

Geplaatst door Le Iene op Dinsdag 12 februari 2019

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a ImolaOggi
Armando Manocchia risponde
ai professionisti della mistificazione


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -