Libano: la UE impedisce il ritorno dei profughi in Siria

Condividi

 

BEIRUT – L’Unione Europea prende decisioni sul destino dei profughi siriani in Libano “basandosi solo su ragioni politiche e non tiene conto di questioni socio-economiche”: lo ha detto oggi il presidente libanese Michel Aoun dopo aver incontrato a Beirut l’alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e la sicurezza Federica Mogherini.

In un comunicato della presidenza della Repubblica libanese diffuso dai media locali, Aoun ha ribadito la posizione del Libano riguardo alla necessità del circa milione di profughi siriani di “tornare nelle zone sicure della Siria”.



Secondo Aoun, l’Unione Europea prende decisioni solo da un punto di vista politico mentre in Libano le decisioni sono basate anche su fattori sociali ed economici. Da Bruxelles ribadiscono che un ritorno dei profughi siriani deve avvenire solo dopo aver risolto il nodo della transizione politica in Siria. “Non si può aspettare una soluzione politica” al conflitto, ha detto Aoun, “perché per questa bisognerà forse aspettare a lungo”. ansamed

La UE ha speso 11 miliardi di euro “per i rifugiati siriani”



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -