Business migranti, arrestata presidente di 8 centri di accoglienza

Condividi

 

PRATO, 27 DIC – Nessun servizio di pulizia, un pasto al giorno al posto dei tre previsti dalla convenzione e altre irregolarità. Queste le accuse che hanno fatto scattare gli arresti domiciliari per la presidente del consorzio che gestisce 8 centri di accoglienza straordinaria (Cas) per richiedenti asilo, a Prato e provincia, e l’interdizione per 9 mesi dalla professione per i due legali rappresentanti di una coop che fa capo allo stesso consorzio.

Frode nelle pubbliche forniture l’ipotesi di reato al centro dell’inchiesta condotta dalla digos di Prato e che ha portato all’emissione delle misure cautelari. Alla presidente del consorzio contestata anche l’accusa di minacce nei confronti di tre dipendenti del consorzio. (ANSA)

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -