Giudici riducono la pena a 14 spacciatori albanesi “perché fanno beneficenza”

Condividi

 

Una banda di pusher albanesi ha ottenuto uno sconto di pena perché ognuno di loro versava parte dei ricavati provenienti dal traffico illecito a una comunità di recupero per i tossicodipendenti, la cooperativa Olivotti di Mira (Venezia)

I quattordici imputati sono stati condannati, complessivamente, a cinquanta anni di prigione, che potevano essere appunto molti di più. I legali degli incriminati, come racconta LaVerità, sono riusciti infatti a convincere i giudici circa il fatto che i propri assistiti si fossero “adoperati per elidere o attenuare le conseguenze dannose o pericolose del reato“, attenuante prevista dal codice penale. E l’attenuante è stata loro concessa e con essa è arrivata dunque la riduzione della condanna.



Come si legge ancora, la banda di spacciatori dell’Est era attiva soprattutto in provincia di Venezia – tra San Donà e Noventa di Piave -, piazzando fino a un quintale di eroina al mese, proveniente dal Medio Oriente, in particolare dalla penisola anatolica.

www.ilgiornale.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -