Pensioni d’oro, guerra dei dirigenti contro il governo

 

Un taglio per cinque anni, dal 10% al 40%, per le cosiddette pensioni d’oro, superiori ai 90mila euro. Lo prevede un emendamento alla manovra presentato dal capogruppo M5s al Senato Stefano Patuanelli. Il taglio risparmia gli assegni maturati “interamente con il sistema contributivo” ed è scaglionato in cinque fasce: il 10% per la parte degli assegni che supera i 90mila (circa 4.500 euro al mese); il 20% tra i 130mila e i 200mila euro; il 25% tra i 200mila e i 350mila; il 30% tra i 350 e i 500mila euro; il 40% oltre il mezzo milione.

Le associazioni dei dirigenti e delle alte professionalità sono pronte alla guerra al governo e al contributo di solidarietà alle cosiddette pensioni d’oro, dice Giorgio Ambrogioni, presidente di Cida

Condividi