“Gondola fascista” a Venezia, ira dell’Anpi contro due cuscini

Polemica a Venezia dopo che sul web è diventata virale l’immagine di una gondola col profilo di Benito Mussolini e il fascio littorio nei cuscini e il simbolo della Decima Mas sul cimiero. L’allestimento è del gondoliere Roberto Siebessi, che pare non abbia mai fatto mistero delle sue simpatie politiche. La foto era stata postata un mese fa dallo stesso proprietario in un gruppo chiuso su Facebook, ma poi era stata rimossa.

A Siebessi è stato imposto di togliere tutti i simboli inneggianti al fascismo con cui aveva addobbato la sua imbarcazione ed è stato inoltre sanzionato dal presidente dei bancali Andrea Balbi. “La nostra presa di posizione è stata chiara”, ha detto Daniele D’Este vice presidente dei Bancali. (rainews.it)

Sul sito dell’Anpi si legge: “Ancora una volta non si tratta di “goliardate” ma di passi meditati per spacciare come cosa ordinaria e lecita la rievocazione di simboli e figure di un regime criminale. Queste esibizioni in Italia sono reato e certamente la magistratura farà la sua parte.

Ma nello stesso momento in cui, come cittadini e come rappresentanti dell’Anpi, segnaliamo la gravità della vera portata di tali azioni, richiamiamo le istituzioni dello Stato a dire che il fascismo è non solo illegale, ma anche un attentato, una minaccia alla Repubblica italiana basata sulla Costituzione antifascista.”

Condividi