Ucraina: kiev si accanisce contro un monaco russo

30 NOV – I servizi di sicurezza ucraini (Sbu) hanno perquisito l’abitazione di Padre Pavel, superiore della Pecherska Lavra, il più antico e importante monastero di Kiev, parte della Chiesa ortodossa russa. Il sacerdote è accusato di “incitamento all’odio”.

L’azione arriva nel bel mezzo della crisi tra Russia e Ucraina per lo scontro navale di domenica a largo della Crimea. Il Patriarcato di Costantinopoli ha concesso alla Chiesa ucraina l’indipendenza dal Patriarcato di Mosca esacerbando le tensioni tra Russia e Ucraina.

L’abate  ritiene che le azioni del governo non possano essere definite pienamente legittime. Al briefing, che si è tenuto a Kiev-Pechersk Lavra giovedì 29 novembre, il monaco Pavel  ha parlato della pressione esercitata su di lui e sul clero della Chiesa ortodossa dalle autorità ucraine.

“Oggi ci sono molte domande sul fatto che le azioni delle autorità statali contro la Chiesa siano legittime”, ha osservato Vladyka. “In una certa misura non sono legittime, perché c’è una pressione personale su di me da tutte le parti, minacce, chiamate, ogni tipo di attacco. Non solo su di me ma anche su molti altri vescovi e sacerdoti. Non conosco la ragione. Ma per me, la cosa principale è che alla fine la pace e la verità dovrebbero regnare nel nostro paese “.

Secondo l’abate del monastero, molti casi sono aperti contro di lui in Ucraina.

“Ci sono voci, e so da fonti attendibili che ci sono diversi casi aperti contro di me, che sono un cittadino dell’Ucraina”, ha detto il padre. “Sono atti classificati come riservati. Ma possiamo solo immaginare di che cosa potrebbero incriminarmi … voglio dire che non sono mai stato contro il mio stato o contro la sovranità del mio stato. “

Condividi