La verità è che all’establishment anti-populista fanno schifo i poveri

Condividi

 

di Cristiano Puglisi

La Gran Bretagna ha praticamente raggiunto la piena occupazione.(…) Una buona notizia? Fino a un certo punto: perché in realtà molte industrie ora stanno facendo fatica a trovare dipendenti e questo spinge verso l’alto i salari, intaccando i profitti delle aziende. Un meccanismo perverso, che rischia solo di essere esacerbato dalla Brexit“. L’autore di queste righe è Luigi Ippolito. Si tratta di un corsivo pubblicato nei giorni scorsi dal Corriere della Sera, l’organo ufficiale dell’élite borghese nazionale.

E nulla meglio di queste poche ma significative parole può spiegare quale sia realmente il comune sentire dell’establishment “anti-populista” o “anti-sovranista”, che dir si voglia, italiano e internazionale.

L’ipotesi di una “piena occupazione” diventa così “piena preoccupazione”, perché “spinge verso l’alto i salari“, “intaccando i profitti delle aziende. Il senso di cosa significhi crescita economica per questa gente è tutto qui: profitti per pochi, stipendi bassi per tutti. Gli stipendi alti, che possono garantire benessere collettivo, sollievo alle famiglie, fiducia nella vita, sono un male. Il bene sono i profitti.

È un pensiero criminale, anti-sociale, anti-democratico, sparato in prima pagina sul principale quotidiano nazionale. È il sintomo inquietante di una classe dirigente che non riesce a guardare più in là del proprio naso, che passa le giornate a domandarsi perché il popolo continui a preferirgli quei bifolchi populisti, che passano i fine settimana nei gazebo, tra la gente, anziché in sontuose convention.

Una classe dirigente decadente, fatta di pseudo-aristocratici incipriati di saccenza e ornati di tracotanza, che non si vergogna ormai di buttare la maschera e farla finita con la finta preoccupazione per gli effetti del famigerato spread sui “risparmi delle famiglie italiane” e, finalmente, dire quale sia la verità.

La verità è che odiano il fatto che possiate avere stipendi dignitosi. La verità è che disprezzano la possibilità che possiate lamentarvi attraverso il voto che vorrebbero limitare ai possidenti, ai laureati, ai frequentatori di Erasmus. La verità è che schifano il fatto che possiate dissentire sui social, sul web, che vorrebbero regolamentare, reprimere, controllare. La verità, soprattutto è una sola. Gli fanno schifo i lavoratori, il popolo. Insomma, gli fanno schifo i poveri.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -