Violenze sessuali su minori disabili in case famiglia gestite da cooperative

Condividi

 

Abusi sessuali su minori disabili ospiti di alcune case famiglia a Roma e a Napoli, gestite da varie cooperative sociali. È stato rintracciato in Albania l’uomo accusato di pedofilia. Gli episodi si sono verificati tra il 2003 ed il 2011.

Il 45enne è stato arrestato a Kombinat dalla Polizia albanese con la collaborazione del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, del Servizio centrale operativo e dei poliziotti della Squadra mobile di Roma e con il supporto del progetto IPA 2017 – finalizzato al contrasto al crimine organizzato grave nei Balcani Occidentali.



L’uomo deve ora espiare 13 anni, 1 mese e 29 giorni di reclusione per violenza sessuale avvenuta all’interno di case famiglia capitoline e partenopee. Nel 2013 si è reso irreperibile ed è stata richiesta l’estensione delle sue ricerche in campo internazionale. Erano state inizialmente attivate anche le autorità thailandesi, in quanto un familiare aveva contatti in quel Paese.

Nel corso delle indagini i poliziotti hanno scoperto che il 45enne aveva ricevuto trasferimenti di denaro in Albania. Successivamente il ricercato è stato individuato a Kombinat nei pressi di Tirana, ospite della compagna di nazionalità albanese.

www.romatoday.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -