Napoli, migrante minaccia: “O cancella questo decreto o noi cancelleremo Salvini”

“Noi cancelliamo Salvini”

“Con il decreto di Salvini noi pensiamo che la democrazia italiana sia morta, sia malata. Dov’è scritto nel decreto di Salvini che la legge è fatta per difendere i poveri? Salvini attacca i poveri, i migranti, gli stranieri, i rifugiati. Dove si legge nel decreto di Salvini che ciò che conta in un uomo non è il colore della sua pelle o l’attaccatura dei capelli, ma la consistenza e la qualità della sua anima, dove si legge? Dove si legge nel decreto di Salvini?”: così il leader del corteo dei migranti a Napoli, dove oggi è in visita il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Un gruppo di migranti si è unito spontaneamente al corteo dei centri sociali di Napoli, che si sono dati appuntamento in via Toledo per protestare contro la visita del ministro dell’interno, vicepremier e segretario della Lega, che ha presieduto in Prefettura il tavolo tecnico sulla sicurezza.

Noi siamo in piazza per dire a Salvini: O cancella questo decreto o noi cancelleremo Salvini“, ha aggiunto, riferendosi al Decreto immigrazione e sicurezza.

Tornate a casa a combattere, codardi!

Condividi l'articolo

 



   

4 Commenti per “Napoli, migrante minaccia: “O cancella questo decreto o noi cancelleremo Salvini””

  1. IL decreto legge Io condevido

  2. Io condevido la legge di salvini Io vivo in Stati uniti América qui la legge e Moltó severa contro GLI emigrante

  3. Non dovevano andare a prendere questi bifolchi. Vengono qua solo per fare del male. Non sono gli africani arrivati nel 2000, questi sono spacciatori e delinquenti di ogni genere! I governi precedenti ci hanno messi nella cacca, a rimetterci in tutto sono gli italiani, che pagano le tasse per pagare loro a cui tutto è dovuto!

  4. Sergio vezzoli

    Capito? Vengono qua a sfruttare quel poco che e rimasto e pretendono pure di comandare….matteo non mollare…..

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -