“Il lavoro mi ha tradito” imprenditore scrive lettera alla moglie e si uccide

Condividi

 

Torino – Ha scritto una lettera indirizzata alla moglie di 32 anni e alle sue bambine di 11 e cinque anni e poi si è sparato un colpo di pistola in testa nel tardo pomeriggio di sabato 19 agosto 2018.

Un piccolo imprenditore edile, italiano di 40 anni, residente a Campiglione Fenile, ha deciso di farla finita nell’appartamento di via Daniela 3 dove abitava con la famiglia.

“Così non posso più andare avanti. Ho troppi debiti, il mio lavoro mi ha tradito”, ha scritto. Era rimasto senza commesse e non sapeva come tirare avanti. Eppure ai familiari non aveva detto nulla, raccondando sempre di avere “tanto lavoro”. Ha lasciato tutto in quella lettera.

Sull’accaduto indagano i carabinieri. L’arma era regolarmente registrata e detenuta.

www.torinotoday.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -