Il papà di Alfie Evans vuole denunciare i medici per “cospirazione finalizzata all’omicidio”

Il papà di Alfie Evans, Tom, vuole par far causa a tre medici dell’Alder Hey Hosipital di Liverpool per “cospirazione finalizzata all’omicidio” del figlio e fa sapere di aver già preso contatti con investigatori privati per istruire il caso.

L’uomo e la moglie Kate James sostengono che i dottori del loro bambino di 23 mesi, (perfettamente sano, ammalatosi dopo la somministrazione di un farmaco, ndr), non hanno più parlato con loro e non hanno verificato le condizioni del piccolo da quando gli è stato staccato il respiratore, alle 21 di lunedì. Oggi pomeriggio Tom ha pubblicato un video su Facebook, spiegando che il bimbo “si è ripreso per la terza volta”. “Ci ha fatto prendere uno spavento, ma il guerriero lotta ancora. E’ tornato, ha avuto solo un calo, è diventato pallido, le labbra si sono un po’ scurite, ma è tornato”, ha scritto l’uomo.

Il suo avvocato Paul Diamond ha fatto sapere che un aereo ambulanza è in attesa “su richiesta del Papa” per portare il piccolo in Italia. Ma i suoi piloti tedeschi sono stati cacciati da Alder Hey questo pomeriggio.

In queste ore si è verificato “un cambiamento significativo di circostanze” come conseguenza del distacco dei macchinari salvavita ma Alfie “respira ancora”, ha detto il legale ai giudici durante l’udienza in Corte d’appello a Londra in cui si discuteva il ricorso dei genitori per ottenere il permesso di trasportare in Italia il piccolo. adnkronos

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -