Terrorismo islamico, Trieste: minorenne pronto a far saltare la scuola

Era pronto a compiere un attentato nella scuola che frequentava il minorenne pro-Isis scoperto e denunciato dalla Polizia di Stato grazie alle indagini della Postale e delle Digos di Trieste e di Udine.

Il giovane è stato bloccato e nello zaino gli agenti hanno trovato diversi documenti in lingua araba e una bandiera dell’Isis realizzata manualmente dal ragazzo. Nella sua abitazione poi, i poliziotti hanno sequestrato ingente materiale informatico.

Chiuse le chat terroriste di un minorenne ‘italiano’ di origine algerina

Sulla vicenda è intervenuta anche la Procura dei minori che hanno avviato per il minorenne un percorso di ‘riabilitazione’ e deradicalizzazione, scollegandolo dalla rete del “cyber jihad”.

Istruzioni su come costruire ordigni artigianali e indicazioni per raggiungere lo Stato Islamico e unirsi alle file dei combattenti del Califfato: questi i messaggi pubblicati dal minorenne, italiano ma di origini algerine. In un video, diffuso sul suo canale ‘Telegram’, il ragazzino spiegava quanto fosse facile creare una bomba: ”Semplice no, il fratello ci ha messo 15 minuti” aggiungendo che “il materiale è roba semplice che compri al supermercato”.

In un altro messaggio, il minorenne chiedeva agli altri utenti: “‘Salve, come faccio a far passare una cintura esplosiva attraverso le porte automatiche?”. La risposta gli è arrivata in lingua araba: “Si tratta di un materiale plastico inodore per cui è impossibile che venga scoperta sia dai cani addestrati che dagli apparati di controllo degli aeroporti. E’ possibile che superi i controlli dell’aeroporto con la stessa facilità con cui vengono superati da qualsiasi pezzo di plastica. Con la volontà di Allah ne parleremo dettagliatamente nei prossimi giorni dando indicazione su come fabbricarlo”.

Il ragazzino, nonostante la sua età, si proponeva anche come figura di raccordo con organizzazioni terroristiche internazionali, allo scopo di aiutare e assistere i combattenti che intendevano recarsi nei territori di guerra. In un messaggio intercettato dalla Polizia scrive: ”Ma volevo dire che ti posso aiutare nella tua impresa: Akhi lo faccio perché è un piacere ed è un dovere. Non avrai solo indicazioni. Ci sono molti fratelli che sono in fila. Comunque tu non abbassare mai la guardia”. ADNKRONOS

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -