Via Crucis, decima stazione: Gesù è un migrante nudo inchiodato sulla Croce

“Ti vedo, Gesù, e vedono un giovane migrante, corpo distrutto che arriva in una terra troppo spesso crudele”. La decima stazione della Via Crucis presieduta il 30 marzo dal Papa al Colosseo è letta dai liceali romani con la lente della denuncia, a partire dalla tragica attualità: “C’è qualcosa che gli uomini spesso dimenticano riguardano alla dignità: essa si trova sotto la tua pelle, è parte di te e sarà sempre con te, e ancor di più in questo momento, in questa nudità”.

“La stessa nudità con cui veniamo alla luce è quella con cui la terra ci accoglie alla sera della vita”, l’istantanea scattata dai giovani: “Da una madre all’altra. E ora qui, su questa collina, c’è anche tua madre, che ti vede di nuovo nudo”. “Ti vedo e comprendo la grandezza e lo splendore della tua dignità, della dignità di ogni uomo, che nessuno potrà mai cancellare”, si legge ancora nel testo.

https://agensir.it



   

 

 

1 Commento per “Via Crucis, decima stazione: Gesù è un migrante nudo inchiodato sulla Croce”

  1. Se questa non è blasfemia,allora cos’è?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -