UE: in Italia debito elevato, produttività debole, crescita sotto la media UE

Condividi

 

BRUXELLES, 7 MAR – L’Italia ha “squilibri eccessivi”, con un “elevato debito pubblico e dinamiche protratte di produttività debole, che implicano rischi con rilevanza transfrontaliera guardando al futuro, in un contesto di disoccupazione e di crediti deteriorati ancora elevati”. La spinta verso le riforme “è un po’ rallentata, ma qualche progresso è stato fatto nel rispondere alle raccomandazioni. Diverse misure sono ora in divenire, in particolare nel campo delle politiche sociali e del lavoro, della giustizia civile e del business environment”.

Lo scrive la Commissione Europea, nel pacchetto d’inverno del semestre europeo. Nell’Ue “restano tre Paesi con squilibri” economici “eccessivi: Cipro, Croazia e Italia” dice il commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici, presentando a Bruxelles il pacchetto d’inverno. Ci sono poi altri Paesi (Bulgaria, Francia, Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna e Svezia) che hanno “squilibri economici. Li invitiamo ad approfittare del contesto favorevole per ridurre i loro squilibri”. ADNKRONOS

“In Italia abbiamo visto che la crescita è rafforzata nel 2017 e ci si aspetta che resti costante anche quest’anno, ma è ancora molto sotto la media europea, il debito è il secondo più elevato dell’Ue e la produttività è bassa”.

Lo ha detto il vicepresidente della commissione Ue, Valdis Dombrovskis. “Ci sono ancora problemi nel settore bancario, ma si stanno affrontando”, ma in generale restano ancora “sfide” da superare, ha aggiunto. (ANSA)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -