M5S, Di Maio: il nostro ministro del Tesoro sarà Roventini ‘keynesiano eretico’

Il ministro del Tesoro che il M5S propone è Andrea Roventini, professore alla Scuola superiore di Sant’Anna. Lo annuncia il capo politico M5S Luigi Di Maio a Unomattina. “Roventini ha l’età di Macron ma già scrive con un premio Nobel che è Stiglitz, con lui torneremo a fare politica espansiva”, spiega Di Maio.

“Roventini ha già portato avanti tre progetti con la commissione Ue per rivedere i parametri economici e quelli deficit/Pil”, spiega Di Maio che sottolinea: “In Italia servono risorse fresche, con basta austerity e politiche espansive, su cui io e Roventini siamo in perfetta sintonia”. La notizia di Roventini come ministro del futuro governo M5S è stata anticipata, tra l’altro, dal Sole 24 Ore questa mattina. Docente presso la Scuola superiore di S. Anna, 40 anni, Roventini fu tra i partecipanti del convegno organizzato dal M5S “Lo Stato innovatore”. Su twitter si descrive, nel suo profilo, come “keynesiano eretico”, pubblica lavori sul Journal of Evolutionary Economics e, recentemente è tra i co-autori, assieme a Joseph Stiglitz di un lavoro dal titolo “Rational Heuristics? Expetations and Behaviors od evolving economies with Heteregeneous interacting agent”.

Dosi, da Roventini approccio keynesiano espansivo – “Ho un enorme stima di lui, come amico e come collega. Il mio giudizio su di lui è incondizionatamente positivo, è un’ottima scelta”. Lo afferma l’economista Giovanni Dosi, fino a poche settimane fa direttore della Scuola Superiore di S. Anna e vincitore del cosiddetto “nobel del management”, commentando con l’ANSA la scelta, da parte del M5S, di Andrea Roventini al Tesoro. “Il suo è un approccio keynesiano espansivo, è un amico dell’innovazione”, spiega Dosi che è stato uno dei mentori accademici di Roventini. ANSA

Condividi