Pamela, il ‘profugo’ accusato era ospitato a nostre spese in hotel a 4 stelle

Doveva avere un’ottima ragione Lucky Awelima per lasciare la propria residenza dorata: un albergo a 4 stelle tra Macerata e Montecassiano, l’hotel Recina.

Da qui Awelima si è allontanato venerdì, destinazione Stazione Centrale di Milano. Secondo i suoi piani avrebbe dovuto proseguire il viaggio per la Svizzera. «Un normale trasferimento», dice lui; «un tentativo di fuga», ribattono i carabinieri che lo hanno arrestato dopo una notte di interrogatori.

Ora Awelima si trova nel carcere di Ancona. I suoi vicini di cella – scrive il Giornale –  sono anche i suoi presunti complici: Innocent Oseghale e Desmond Lucky. Tutti nigeriani, tutti e tre accusati di aver ucciso, tagliato a pezzi e chiuso in due trolley il corpo di Pamela Mastropietro, 18 anni, romana, «colpevole» solo di essere incappata in tre belve.

Si scopre oggi che Lucky Awelima, 27 anni, da più di un anno (dopo essere sbarcato in Sicilia con lo status di «profugo di guerra») alloggiava a spese dello Stato italiano in un resort che le recensioni su TripAdvisor indicano di «ottimo livello» sotto ogni profilo: servizi, accoglienza, menù, stanze. Qui un pernottamento costa circa 100 euro al giorno. Gratis per i clienti speciali come Lucky Awelima. Lui infatti era formalmente «un perseguitato politico» che l’Italia proteggeva dalle violenze del suo Paese, la Nigeria. Ma alla luce delle accuse che ora gli vengono mosse, c’è il fondato sospetto che Awelina sia più un carnefice che una vittima.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -