Milano devastata dai vandali che vogliono lo Ius soli

di Marta Bravi

Come l’articolo 18, come l’alternanza scuola-lavoro, l’Expo, la riforma Gelmini, come sempre. Della serie ogni occasione è buona per scendere in piazza, magari saltare una mattina di scuola, e mettere a soqquadro e imbrattare la città. Il copione è sempre lo stesso da anni. E così è stato anche ieri mattina.

New Jersey, vetrine e consolati imbrattati, bombe carta e fumogeni, negozi occupati, un blitz fallito in Stazione Centrale. Ci sono stati momenti di tensione tra i circa 500 ragazzi della Rete dei collettivi che, in occasione della Giornata Mondiale dello Studente sono scesi in piazza per manifestare contro l’alternanza scuola lavoro, a favore dello ius soli e per i diritti di cittadinanza. Al grido di «Chi non salta un fascista è» e «Lo studente paura non ne ha» il corteo ha attraversato il centro, lasciando dietro di sè una scia di vandalismi, muri imbrattati e polemiche.

Quest’anno lo ius soli sarà il leit motiv per tutto quel sottobosco di sinistra che non perde mai occasione per scendere in piazza e scrivere sui muri le proprie ragioni. Quello che è andato in scena ieri, infatti, è il solito copione che si ripete da anni, cambia solo lo sfondo. Perché che c’azzecca – direbbe qualcuno – la legge sulla cittadinanza agli stranieri con l’alternanza scuola-lavoro? Niente, se non essere il comune denominatore della rabbia di collettivi studenteschi, autonomi e semplici vandali.

Così sono stati colpiti indifferentemente le Poste, McDonald’s i negozi delle grandi catene di abbigliamento Zara e Benetton, il consolato della Libia e degli Usa, la sede della Prefettura, la stazione Centrale, dove gli studenti sono stati respinti dagli agenti in tenuta antisommossa, e la sede della Regione Lombardia.

«Nelle nostre classi ci sono moltissimi studenti migranti o nati in Italia da genitori migranti: non accetteremo di essere divisi tra ragazze e ragazzi di serie A e di serie B. – scrive la Rete degli studenti nel comunicato -. Lungo il percorso abbiamo sanzionato diversi luoghi simbolici del razzismo di stato, delle deportazioni, della negazione della cittadinanza ai migranti e ai loro figli e dello sfruttamento di un’alternanza che non guarda in faccia a nessuno».

Imbrattate in un colpo solo con vernice rossa e uova le vetrine dei megastore, il portone dell’Inps di piazza Missori e il portone d’ingresso del consolato della Libia. La situazione è degenerata davanti alla Prefettura, dove alcuni ragazzi con il volto coperto e tute bianche e rosse hanno lanciato dei water verso la polizia. Gli agenti avevano sistemato un blindato di traverso per bloccare la strada. Il corteo si è spostato in Stazione Centrale, dove i ragazzi sono stati respinti dalle forze dell’ordine.

«Ritorneremo in piazza il 12 e il 16 dicembre in occasione degli Stati generali dell’alternanza scuola lavoro» la minaccia degli autonomi. E c’è da scommettere che il copione sarà tristemente lo stesso.

www.ilgiornale.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -