Inps: nel 2017 calano i contratti stabili, boom di quelli a chiamata (+129,5%)

Nei primi otto mesi del 2017 sono stati attivati oltre un milione di contratti a tempo indeterminato (1.032.486 comprese le trasformazioni) con un calo del 2,5% sullo stesso periodo 2016. Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sul precariato. I contratti a chiamata hanno invece registrato un aumento del 129,5%. Il boom è spiegato con la necessità per le imprese di sostituire i vecchi voucher.

L’Inps parla di “persistenza di una fase di ripresa occupazionale”, ma alla crescita delle assunzioni, il maggior contributo è dato dai contratti a tempo determinato (+26,3%) e dall‘apprendistato (+25,9%) mentre sono diminuite le assunzioni a tempo indeterminato (-3,5%, nel complesso, -2,5% se si considerano anche le trasformazioni). L’Inps sottolinea che il calo rispetto al 2016 è interamente imputabile alle assunzioni a part time)

Tra le assunzioni a tempo determinato appare significativo l’incremento dei contratti di somministrazione (+19,2%) e ancora di più quello dei contratti di lavoro a chiamata (+129%) che hanno registrato un vero boom dopo la cancellazione dei voucher. Si registra un’ulteriore compressione dell’incidenza dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni (sono solo il 24% nei primi otto mesi del 2017): nel 2015, quando era in vigore l’esonero contributivo triennale per i contratti a tempo indeterminato, era stato raggiunto il valore di 38,4%. tgcom24



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -