Carceri, allarme tubercolosi: oltre metà dei detenuti positivi al test

Nelle carceri italiane vi sono circa 20.000 detenuti stranieri, che rappresentano il 34,5% di tutti i detenuti. Oltre il 50% di questi risulta positivo al test alla Tubercolina che indica un pregresso contatto con il bacillo Tubercolare. Queste persone non presentano una malattia attiva, ma sono a rischio di svilupparla in caso di forti stress in grado di ridurre l’efficienza del proprio sistema immunitario.

Questi alcuni dei preoccupanti dati presentati a Roma al Congresso della SIMSPe, patrocinato dalla SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali: oltre 200 specialisti riuniti in occasione della XVIII Edizione del Congresso Nazionale SIMSPe-Onlus ‘Agorà Penitenziaria’. Un confronto multidisciplinare, tra medici, specialisti, infettivologi, psichiatri, dermatologi, cardiologi, infermieri, organizzato insieme alla Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali – SIMIT.

Secondo i risultati dello studio multicentrico 2014 (Veneto, Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, ASL Salerno) tra i detenuti, è presente almeno una patologia nel 67.5% dei casi. I disturbi psichiatrici riguardano il 41.3% della popolazione nelle carceri; le malattie dell’apparato digerente il 14.5%; le malattie infettive l’11.5%; le malattie cardiovascolari l’11.4%; le malattie endocrine, del metabolismo ed immunitarie l’8.6%; le malattie apparato respiratorio il 5.4%; le malattie osteoarticolari il 5%; le malattie del sistema nervoso il 4%; le malattie genitourinario il 2,9%; le malattie dermatologiche l’1,8%.“

Molti casi di HIV

La sorveglianza sanitaria in Italia dell’infezione da HIV riesce a raggiungere una copertura nazionale nel 2008. Da allora al 2015 sono state notificate 25.677 nuove infezioni. Le persone sottoposte a terapia antiretrovirale presso i Centri di Malattie Infettive erano nel 2014 91.945. Tra le malattie infettive tra i residenti, l’Epatite C riguarda il 54,6% delle diagnosi, l’Epatite B il 15%, l’HIV il 14,5%, la tubercolosi il 4,9%; la sifilide il 3,3%. Il tasso di trasmissione stimato dalle persone HIV+ consapevoli è 1.7/2.4%, mentre quello delle persone inconsapevoli è 8.8/10.8%.

http://www.today.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -