Bruxelles: al Museo d’Europa apre la mostra intitolata “Islam. È anche la nostra storia”

Una mostra controversa, che vorrebbe testimoniare l’influenza dell’Islam in Europa nel corso della storia, si è aperta a Bruxelles dopo il ritardo causato dagli attacchi terroristici islamici nella capitale belga, l’anno scorso.

La mostra, intitolata “Islam. È anche la nostra storia ” è stata precedentemente esposta in diversi paesi europei, ma il suo arrivo a Bruxelles, la settimana scorsa, era stata rinviato dalle autorità e dagli organizzatori a causa degli attacchi di Parigi nel novembre del 2015 e quelli nella capitale belga nel marzo 2016. Gli organizzatori hanno anche dovuto faticare per trovare un luogo per lo spettacolo, poiché molti hanno deciso di non ospitare un evento che quasi certamente avrebbe attirato delle critiche.

La mostra è stata poi aperta il 15 settembre all’edificio Vanderborght, di proprietà delle autorità di Bruxelles.

Vogliamo rendere chiaro agli europei che l’Islam è parte della civiltà europea e che non è un’importazione recente, ma ha radici che risalgono a 13 secoli” , ha dichiarato Isabelle Benoit, storico dell’organizzazione Tempora, che ha ideato lo spettacolo.

Nella mostra sono esposte opere d’arte storiche e contemporanee, oggetti quotidiani, multimedia e installazioni per rivelare l’influenza dell’Islam nell’Europa durante il dominio arabo della penisola iberica (Spagna e Portogallo moderna), l’Impero ottomano e il periodo coloniale.

Ma lo spettacolo affronta anche la situazione attuale in Europa, che è invasa da ondate di migranti provenienti da nazioni del Medio Oriente e del Nordafrica, nonché dalla costante minaccia del terrorismo islamista.

Risulta che la nostra mostra si presenta in un momento molto rilevante nella storia quando l’incontro tra l’Europa e l’Islam è testimoniato dai cittadini del continente in tutte le sue tragiche manifestazioni… Dovremmo cancellarlo o almeno rimandarlo fino a circostanze più felici? Sicuramente no, crediamo“, hanno detto gli organizzatori sul sito della mostra.

È proprio perché la tempistica è tragica, è importante mostrare ai nostri contemporanei la straordinaria ricchezza di questa storia che ha contribuito a farci ciò che siamo. “, hanno aggiunto.

Opere provocatorie dedicate alle relazioni moderne tra l’islam e l’Europa hanno attirato la massima attenzione allo spettacolo.

Un’installazione dell’artista danese Nikolaj Bendix Skyum Larsen ha commemorato migliaia di migranti che sono annegati nel tentativo di attraversare il Mar Mediterraneo e raggiungere l’Europa

Gli ospiti della mostra entrano in una stanza buia, decorata da schermi che mostrano il fondo del mare, con rotoli di tessuto gettati al pavimento somiglianti ai corpi dei bambini affogati. […]

www.rt.com/news



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -