Violenta 2 bambine durante i lavori in casa: arrestato muratore egiziano

Milano – I proprietari dell’appartamento si fidavano di lui. Lo avevano fatto entrare più volte in casa per dei lavori di ristrutturazione e lo avevano lasciato libero di “girare” tra le stanze. Lui, invece, appena poteva, approfittava e abusava delle due figliolette della coppia.

Un muratore egiziano di poco meno di cinquanta anni, N.S., è stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile di Milano con l’accusa di violenza sessuale aggravata. A firmare la custodia cautelare che ha portato il manovale in carcere è stato il Gip Alessandra Simion, su richiesta del Pm Luca Gaglio.

A presentare la prima denuncia, circa tre settimane fa, è stata la mamma delle due vittime, due bambine di meno di dieci anni. La donna aveva notato alcuni atteggiamenti strani del muratore e ne aveva parlato con i poliziotti e con le figliolette.

Gli agenti hanno così iniziato le loro verifiche e in poco tempo hanno accertato che l’uomo aveva più volte abusato delle piccole, anche facendo leva sulla fiducia che i proprietari di casa – e genitori delle bimbe – gli avevano concesso.

Il muratore, stando a quanto riferito dalla Mobile, aveva lavorato durante gli ultimi due mesi nell’edificio – una casa molto grande – e gli episodi di abusi e violenza sarebbero diversi, tutti portati a termine molto rapidamente e approfittando della buona reputazione che i genitori delle bimbe – comunque sempre presenti – avevano di lui.

Lo stesso operaio, dipendente di un’impresa che si occupa di ristrutturazioni ed edilizia, è sposato e ha dei figli.

Nel suo passato, i poliziotti hanno trovato un precedente penale – di circa cinque anni fa – per un caso di violenza sessuale su una ragazza. Gli agenti lo hanno arrestato nella sua casa di Milano.

milanotoday.it

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -