Firenze, padre disperato sale su impalcatura del Duomo

FIRENZE, 2 LUG – Un uomo di 54 anni, sposato e padre di due figli, residente a Scandici, nell’hinterland fiorentino, è salito stamane sull’impalcatura allestita sul retro del Duomo, a Firenze, per protestare e richiamare l’attenzione sulla sua condizione economica. L’uomo ha poi parlato al telefono con il sindaco della sua città e, dopo circa un’ora, ha accettato di scendere dall’impalcatura.

Nel 2012 il 54enne, dopo aver perso il lavoro salì su una gru alta 50 metri, sempre a Scandicci. Nel 2013 salì su un traliccio, a Scandicci, perché temeva di perdere la camera che gli aveva messo a disposizione il Comune presso un affittacamere. Poco tempo dopo, temendo che i servizi sociali gli togliessero i figli, affisse un cartello all’ospedale di Torregalli, dichiarandosi disposto a vendere un rene per mantenere la famiglia. (ANSA)



   

 

 

1 Commento per “Firenze, padre disperato sale su impalcatura del Duomo”

  1. che la mano sinistra del signire (italiani) che non sappia quello che fà la mano destra (clandestini)

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -