I jihadisti che tornano in Kosovo non sono monitorati né perseguiti

Condividi

 

“Solo qualche giorno fa la portavoce della Commissione Europea, Maja Kocijancic, in vista delle elezioni parlamentari del Kosovo, indicava ai partiti di quel paese una ben precisa road-map verso l´integrazione europea che metteva al primo posto la liberalizzazione dei visti – dichiara l´On. Mario BORGHEZIO – e non, ad esempio, la protezione delle minoranze serbe cristiane”.

“I Kosovari alle urne hanno premiato il partito dell´ex premier Haradinaj, già comandante dell´UCK e propugnatore di una Grande Albania: bel risultato delle gennerose politiche UE di aiuti a questo che, altrove, sarebbe ordinariamente chiamato ‘Stato canaglia’…”

Persino in un documento ufficiale sullo stato di avanzamento del processo di adesione del Kosovo oggi al voto nell’aula di Strasburgo, si dà atto che molti foreign fighters, tornati in Kosovo, non sono monitirati e perseguiti”!

Ieri sera, nell’aula di Strasburgo, ha inoltre stigmatizzato il fatto che “la portavoce dell’UE continui a promettere la liberalizzazione dei visti per un Paese che esporta soprattutto crfiminalità e terroristi islamisti, vera culla dell’Islam più radicale in Europa!”

On. Mario Borghezio – Deputato Lega Nord al P.E.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -