Rivista Isis: “non è sbagliato uccidere i bambini, lo dice Allah”

Non è sbagliato uccidere i “miscredenti”, compresi “i bambini”. E’ quanto si legge nel quinto numero di ‘Rumiyah’, il magazine dell’autoproclamato Stato Islamico, che suggerisce di colpire anche minori e adolescenti durante gli attentati terroristici.

Nell’articolo intitolato ‘Collateral carnage’ del gennaio 2017 si sostiene che “non c’è niente di sbagliato a uccidere i bambini quando vengono uccisi o feriti mentre sono insieme agli adulti”.

Una strategia messa in campo lunedì sera alla Manchester Arena, quando il bersaglio dell’attacco rivendicato dall’Is è stato proprio il pubblico di teenager presente al concerto di Ariana Grande.

“Uno non dovrebbe addolorarsi per l’uccisione collaterale di donne e bambini miscredenti, perché Allah ha detto: ‘Non addolorarti per i miscredenti’“, si legge sulla rivista dell’organizzazione terroristica, “invece, bisognerebbe realizzare che Allah ha decretato la loro morte dall’alto della sua esatta giustizia e grande saggezza”.

“Il combattente”, continua Rumiyah, “deve fare il massimo per portare avanti la causa di Allah, indipendentemente dal massacro collaterale prodotto tra le masse di infedeli”. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -