Muore di Sla senza aver ottenuto l’accompagnamento

 

BARI, 20 GEN – Piero Boccuzzi, 68 anni, ex sindacalista, di Bari, è morto dopo due anni di malattia senza aver ricevuto l’assegno per l’accompagnamento: gli era stata diagnosticata la Sclerosi laterale amiotrofica, ma per la burocrazia non era ‘invalido totale’. Il figlio di Piero, Giuseppe, segretario generale della Cisl di Bari, ha ricostruito la storia del padre, una storia – dice – “di mala burocrazia delle commissioni di invalidità e dei tribunali”.

Piero Boccuzzi, sindacalista, nel giugno del 2015 viene visitato dalla commissione invalidità della Asl perché la Sla avanza: “aveva le braccia- racconta il figlio – completamente paralizzate e la deambulazione assistita. Non era autonomo. Ma fu dichiarato invalido all’80%, e non gli fu riconosciuta la 104 quindi nessuna possibilità per i parenti di potersi assentare dal lavoro, nessuna indennità di accompagnamento, nessun pass per invalidi“.

La famiglia ha presentato, vincendo, ricorso. La vicenda giudiziaria si è conclusa a dicembre 2016, nel frattempo Piero Boccuzzi è morto. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -